Primo livello responsive

Cerca una news su un prodotto o su un brand

Scheda evidenza in home di sezione

Risparmiare con Spesa a Costo Zero e Pratica del Baratto

 

Spesa a Costo Zero? Contro la crisi della moneta, l'italiano aguzza l'ingegno e sceglie nuove forme di risparmio.

Secondo un sondaggio Coldiretti, quella del baratto è un’idea apprezzata da un italiano su quattro. E se in un periodo di recessione economica si fa tutto per risparmiare, iniziative come questa non possono che avere enorme successo.

Lo dimostra il riscontro avuto dal primo mercato del baratto dell'associazione degli agricoltori, tenutosi al Castello Sforzesco di Milano lo scorso 5 maggio. Organizzato da Coldiretti nell’ambito della festa “Cibi d'Italia”, ha dato nuova vita ad oggetti ormai inutilizzabili, scambiati con salumi, formaggi, frutta e bevande rigorosamente Made in Italy.
Un'iniziativa che ha voluto sottolineare l’importanza dell’economia reale e del rapporto diretto tra produttori e consumatori.  

Oggi, secondo l’Istat, sette italiani su dieci sono costretti a tagliare quantità e qualità dei prodotti acquistati.
Ecco perché in italia sono sempre più numerose le pratiche dello scambio senza spendere un centesimo: oltre ai veri e propri mercati del baratto, aumentano gli swap shop (punti vendita dedicati al riciclo di abiti e oggetti di lusso) ma anche fenomeni come il bookcrossing (scambio di libri) e le banche del tempo (più di 200 quelle attive nel Bel Paese). Queste ultime, come spiega la Coldiretti, sono associazioni nate dai cittadini per i cittadini: iscriversi è completamente gratuito e comporta lo scambio di servizi e di piccole commissioni domestiche

Ma fenomeni simili si stanno diffondendo anche in ambito lavorativo; con il coworking, professionisti operanti in settori completamente diversi condividono ambienti e uffici per ammortizzare le spese senza rinunciare alla propria indipendenza; con il couchsurfing, infine, si verifica lo scambio di accoglienza. Ospitando viaggiatori tra le proprie mura domestiche, si ottengono favori come pulizia e spesa durante il periodo di permanenza: un nuovo modo di viaggiare nato dieci anni fa con l’omonimo network che oggi conta oltre 6 milioni di iscritti in tutto il mondo.

E tu cosa pensi della filosofia dello scambio? Hai mai preso parte a queste iniziative o ti piacerebbe farlo? Come aguzzi l’ingegno per affrontare la crisi? Condividi la tua esperienza con gli altri consumatori!

 

commento_nolog

Scrivi un commento

Non sei ancora registrato?
Registrati subito per partecipare ed accumulare punti!

Sei già registrato?
Login classica

Accedi con:
Twitter Facebook

bf_categorie_300x250

bf_categorie_300x600

placeholder_test

Commenti

Martedì, 14 Maggio, 2013 - 11:52 ha scritto un commento

vorrei partecipare ma qui a Torino non c'è' il baratto, e questo , se invece ci fosse sarebbe molto interessante e avrebbe molte persone che avrebbero tanto da barattare essendo la citta' che dal governo uscente e stata portata alla fame.