Primo livello responsive

Condividi o leggi un'opinione

scheda_prodotto_interna

Rossetto DIVA'S ROUGE Pupa
Categoria: Rossetti
Ritratto di Redazione BF
Autore: Redazione BF
85%
1
2
3
4
opinioni
Tra i più amati dagli utenti
4
Colore
4
Texture
4
Tenuta
4
Qualità/Prezzo
4
Da consigliare

Diva’s Rouge è un rossetto Pupa molto coprente e dalle colorazioni intense.

Cremoso e ad alta tenuta, ha una buona scrivenza che assicura colorito e pienezza alle labbra.

Le colorazioni mat ed intense, passano dal rosa al viola, dal beige agli arancioni e ai rossi, si adattano a varie gradazioni di pelle.

La texture del rossetto Diva’s Rouge è piena, cremosa e vellutata, andando ad idratare e rimpolpare il volume delle labbra.

INGREDIENTI: Ricinus Communis (Castor) Seed Oil, Ethylhexyl Palmitate, Ethylexyl Pelargonate, Ethylexyl Stearate, Euphorbia Cerifera (Candelilla) Wax, Dicalcium Phosphate, Ozokerite, Bis-Diglyceryl Polyacyldipate-2, Cera Microcristallina (Microcrystalline wax), Copernicia Cerifera (Carnauba) Wax, Hydrogenated Castor Oil, Aroma (Flavor), BHT, Methylparaben, Propylparaben,coloranti.
MODO D'USO:

Se vuoi ottenere un effetto naturale ad acquarello, stendilo con i polpastrelli tenendo la bocca semiaperta.
Se invece, desideri ottenere un effetto colore pieno, parti sempre dal centro delle labbra verso i contorni, con movimenti simmetrici.

PREZZO CONSIGLIATO:

€9,99

Ringraziamo Margherita123 per la segnalazione

SCOPRI LE NOVITA' PUPA CHE BRANDFAN HA SELEZIONATO PER TE!

Condividi la tua esperienza: REGISTRATI o effettua il LOGIN per SCRIVERE LA TUA OPINIONE qui sotto!

Cosa aspetti? Consiglia gli altri utenti e ACCUMULA PUNTI per richiedere i Premi del CATALOGO BRANDFAN!

 

opinione_nolog

Scrivi un'opinione

Non sei ancora registrato?
Registrati subito per partecipare ed accumulare punti!

Sei già registrato?
Login classica

Accedi con:
Twitter Facebook

opinioni_della_scheda

Le vostre opinioni

Brand BeginnerBrand ScoutBrand ExpertBrand MasterBrand FollowerBrand Lover
il 18.12.2014 ha scritto un'opinione
4
4
Colore
4
Texture
4
Tenuta
4
Qualità/Prezzo
4
Da consigliare
Che bellooo

'''E Voi, tutte, inseguitela la felicità,
e cercate il vostro rosso...osate...
perché, da qualche parte,
un rosso perfetto esiste,
per ognuna di noi'''
IL ROSSETTO ROSSO, LA STORIA E LE DONNE
Una donna il cui colore preferito del rossetto sia il rosso è una Donna, perché è sinonimo di passionalità, temperamento forte, attivo e focoso, quindi vera e fatale, c’è chi magari lo è, c’è chi lo vuole essere o chi vorrebbe che gli altri pensassero che lo fosse..un giro di parole.
Vedo tante ragazze/donne che durante la settimana sono semplici, umili, pochi accessori, arriva il sabato… …gonna rasa quasi all’altezza degli slip…reggiseno con tre metri di push-up e decolletè scollatissimo, labbra rese il doppio in grandezza da un rosso luccicante abbinato a unghie laccate dallo stesso colore!
Vogliono attirare l’attenzione degli sguardi maschili( beh in un era come la nostra anche gli sguardi di un pubblico dello stesso sesso), non sono fatali, vogliono dimostrarlo di esserlo.
Nell’epoca dei Sumeri, 2800 a.c., nella tomba della principessa Shub-ad fu rivenuta una piccola scatola d’oro contenente una pasta fatta di polvere rossa, olio di sesamo ed essenza di rosa, con pennellino. Presso gli antichi egizi, le regine estraevano trattando diverse specie di coleotteri. Nella Roma Imperiale il rossetto rosso veniva messo anche nelle statue degli Dei durante le celebrazioni religiose. Questo “accessorio” si presenta negli anni ‘20 e ‘30 in gradazioni più scure e con bocche a forma di cuore; negli anni ‘40 tonalità rosso sangue e labbra arrotondate; negli anni ‘50 e ‘60 si sfuma di fucsia, arancione e rosso lacca creando l’effetto di labbra abbondanti. Secondo il dizionario etimologico, il termine rossetto altro non significa che rosso, o meglio “alquanto rosso”.
Tuttavia nel corso della storia è stato visto come simbolo di lussuria infatti nel 1770 venne approvata una legge dal Parlamento britannico che condannava e processava per stregoneria le donne che ne facevano uso per sedurre uomini sposati.
Un prodotto di make-up oggi così popolare veniva associato, nei primi anni del '900, anche ad un concetto di volgarità perchè utilizzato soprattutto da attrici e prostitute.
Conquista le labbra delle star ma la vera ispirazione arriva, come sempre, dalle icone del passato.
Le passerelle di queste due stagioni testimoniano, che dona luce al viso senza l’aiuto di altri complementari.
E’ un elemento immancabile nel beauty-case di ogni donna.
Lo potete scegliere Mat o Shimmer, toni chiari o scuri, per un incontro di lavoro o per una serata galante, sicuramente è bene capire come e quando mettere il rossetto rosso.
IO ED IL ROSSETTO ROSSO
Ma utilizzare sempre il rossetto rosso è uno status simbol per me.
Ecco ora arriviamo ad una situazione strana. Da adolescente alle prime armi, parliamo circa all'età di 16 anni IN POI, l’ho sempre utilizzato di giorno, non certo a scuola, ma ricordo che quando avevo intenzione di marinare per andare al punto d'incontro con tutti gli altri "marinatori", lo mettevo in cartella per tingerlo sulle labbra dopo, farlo a casa era una prova equivalente alla mancata entrata a scuola.
Ma quando uscivo la sera, avevo sempre le labbra tinte.
Lo stesso quando ho iniziato a lavorare. I colori che prediligevano erano porpora,prugna e assolutamente sempre il rosso durante la sera, di diverse tonalità.
Sono sempre stata forte mentalmente a e questo ha dimostrato la scelta del mio colore, ancora piccola per rendermi femme fatale, ma abbastanza in età per dimostrare che ero in grado di fare tutto.
Poi ho iniziato ad usare dei lip liquidi con colori molto tendenti al beige, marroncino chiaro, rosa abbandonando completamente le tinte forti, usate solo in rarissime occasioni.
Credo che questo sia dovuto alla mia crescita, maturità, la mia personalità ha iniziato ha cambiare in base agli anni e alle situazioni della vita.
Certo quel bel porpora o rosso mi piaceva ma lo vedevo sempre meno adatto.
Naturalmente...accadeva che il sabato tingevo di rosso, su consiglio della mia amica, ma non mi trovavo più a mio agio, mi sentivo troppo volgare con quella tinta, che ben si adattava alla mia carnagione e capelli scuri, ma c'era qualcosa che non andava.
Ora che cosa è successo?
Da qualche anno non lo uso assolutamente al lavoro, preferisco avere un burro cacao e la sera solo tinte nude o carne, anche se mi ha sempre attirato l'idea di riutilizzarlo, per sentirmi fashion, forte, ma.......procediamo con calma.
Forse perchè preferisco passare inosservata e non avere il centro dell’attenzione solo per un colore alle labbra, mi piace essere al centro dell’attenzione per altro, per la mia personalità, modo di parlare, non voglio calamitare gli sguardi, ma la mente.
Ma Coco Chanel disse: “Se siete tristi, se avete un problema d’amore, truccatevi, mettevi il rossetto rosso e attaccate.”
Ed è vero, ti fa sentire più sicura e forte, nell’ultimo periodo mi frullava nella testa l’acquisto.
E’ dimostrato da una ricerca americana che il rosso non solo attira gli sguardi ma rende le donne più sicure di sé.
Lo studio inglese ha poi confermato che è davvero il colore più sexy in assoluto, perché attira gli sguardi del sesso opposto sulla bocca, accendendo così il desiderio
E’ la persona che usa il rossetto rosso ad essere più audace o lo diventa grazie all’aiutino esterno?
E sedurre e combattere e governare: Evita, Coco, Sarah, Marylin, Marlene, Rachida o Ranja. Spie e regine, mai senza.
Non c' è donna che stia bene con un rossetto rosso ma è facile che lei non ci senta. C' è un segreto per superare la "vergogna": osare e poi non guardarsi mai allo specchio. Ecco ora penso, dopo che ce l’ho fatta: Rosso fuoco, rosso ciliegia, addirittura rosso sangue.. va bene sempre, ovunque e... comunque!
Personalmente, tendo a valorizzare gli occhi e lasciare le labbra nature, però ogni tanto e per qualche occasione particolare, mi piace osare .Credo inoltre che stia bene a tutte le donne, bisogna sottolineare però che il deve essere abbinato anzitutto agli abiti e alla propria personalità.
L’importante è indossarlo con tranquillità, sentirlo come un alleato che riesce, ancora di più, a far risaltare la propria bellezza.
Ho iniziato a ripensarci, avevo voglia di guardarmi allo specchio e vedere le labbra belle laccate di un rosso brillante, non solo per accattivare lo sguardo, ma per sentirmi forte, viva, appariscente.
E' così ne comprai uno a caso che è rimasto nel beauty.
Ma proprio qualche mese fa, durante la programmazione di un viaggio a Parigi, parlavamo con la mia amica su cosa doverci portare in valigia, su come ottimizzare gli spazi, visto che l'intenzione era di fare shopping e di tornare con le valigie piene, pensavamo a dividerci i vari supporti, quindi arrivati al make up, mi ha detto una sola cosa: "A Parigi, terra di Chanel, è obbligatorio il rossetto rosso, bello corposo e luccicante, se non lo hai procuratelo..non accetto lip o burrocacao..altrimenti ti lascio in albergo"
Le francesi il rosso ce l'hanno dentro e lo indossano con quell'eleganza e disinvoltura che noi tutte sogniamo.
PUPA DIVA’S ROUGE N°18
E vai..non aspettavo altro che trovare qualcuno che mi trasmettesse fiducia a mettere di nuovo il rossetto rosso, che potevo permettermi visto la mia carnagione mediterranea e i denti molto bianchi, perchè dovete sapere che per questa tinta il sorriso deve essere splendidamente bianco.
Ma siccome quello che avevo acquistato non mi convinceva, ho pensato di andare in profumeria e trovarne uno buono, doveva essere duraturo visto che io fumo.
Inoltre avevo preso quella tonalità a caso, che sulle labbra non mi piaceva, la vedevo troppo aranciato, io voglio vedere il fuoco!
Con questa intenzione mi sono recata presso una grande profumeria durante una giornata libera dal lavoro perchè dovevo trovare il "mio rosso'''
Sceglierlo non è una semplice cosa.
Il tono di rosso ideale si sceglie in base al colore della pelle, per valorizzarla e per valorizzare le labbra nel modo giusto, senza creare antiestetici contrasti.
-Se hai la pelle chiara l’ideale è un rosso corallo. Un rossetto dalla tonalità scura invece tende a indurire i lineamenti, assottigliare le labbra e invecchiare l’espressione del volto.
-Se hai una pelle dal tono medio, è una nuance che vira al rosato-fucsia. Via libera quindi al lampone, rosso papavero o ciliegia.
-Se hai una pelle scura o di colore scegli una nuance intensa, scura, come il bordeaux o il rosso mattone.
Era proprio quello che volevo..avendo una pelle ne troppo chiara nè troppo scura...cercavo il rosso ciliegia!
Ho fatto prima un giro nel reparto make up per capire su quale marchio mi sarei dovuta orientare e sinceramente dopo un poco sono andata verso lo stand Pupa che mi ha sempre soddisfatta enormemente ed ho visto i rossetti della linea Diva's Rouge a circa € 13,00.
E’ un astuccio che non passa inosservato.
Ogni collezione limitata di Pupa va a ruba, e parliamo di un rossetto uscito con la collezione autunnale, la Baroque Couture.
Mi ha accattivato questa linea perchè la gamma dei colori passa dai rosa viola, ai beige e marroni, agli arancione e rosso.
In tutto 18 colori: dal numero 13 in poi sono tutte le sfumature che ho provato.
Era difficile scegliere , perché una volta provati davanti allo specchio, erano tutti belli,ma dovevo anche pensare che il periodo del viaggio non era estate, quindi evitare le tonalità che si avvicinano all’aranciato..alla fine ho preso l’ultimo rosso, il numero 18.
Il packaging è un bel cartoncino rosso, è sempre uguale , la classica confezione che utilizza Pupa per quasi tutta la sua ultima cosmesi, con caratteri misti: logo e descrizioni principali in argento, ingredienti e traduzioni bianchi.
La scadenza è 24 mesi dall’apertura, abbastanza lunga, considerando comunque che non bisogna usarlo saltuariamente, anche perché il prodotto è è 3,5 ml e se si usa una volta all’anno..beh fatevi i conti.
Il cartoncino è abbastanza rigido ma il vero corpo del rossetto è meraviglioso.
Un tubo bombato ai lati che si stringe leggermente alle due basi, color argento, quasi quasi ti puoi specchiare, certo le forme si vedono distorte come in una giostra degli specchi (vedete una foto che ho allegato per comprendere), anche se il colore argento è lucidissimo, in effetti rimangono anche le impronte delle dita, che si eliminano subito con una velina.
Al centro, dove si apre la capsula, vi è un righino rosso , anche nella parte superiore il cappuccio ha la testa rosso sempre luccicante.
Per aprirlo bisogna mettere un pochino di forza, ma meglio in quanto dimostra che il contenitore esterno è ben robusto e nell’eventualità di portarlo in borsa on si rischia l’apertura.
Un packaging solido e abbastanza sicuro, che rappresenta la qualità del prodotto vero e proprio, la sua confezione è preziosa e di alto design: estremamente femminile anche nei dettagli e nelle morbide linee.
Al centro in caratteri rossi una semplice scritta “PUPA”.
Una volta aperto, l’interno del cappuccio è sempre rosso,, la base si gira al centro in senso antiorario ed ecco che fuoriesce il vero e proprio rossetto, con la base in diagonale che termina quasi a punta per facilitare l’applicazione, diciamo una mina a goccia,per un tratto semplice e preciso.
Tutto quello che infatti le donne chiedono ad un rossetto, Pupa Diva’s Rouge ce l’ha!
'''LA MIA PROVA'''
Naturalmente prima di portarlo a Parigi, ne ho approfittato per provarlo e vedere l’effetto e soprattutto la qualità, quindi naturalmente di sabato sera.
Nell’applicare il rossetto rosso e farlo durare di più bisogna avere dei trucchetti che ho usato per provare Diva’s Rouge n°18.
Se ho delle pellicine, faccio un piccolo scrub alle labbra e poi inserisco un poco di balsamo idratante che vado a strofinare.
Dopo di questo ho spalmato un poco di fondotinta sulle labbra, tamponando con una semplice velina. Il passaggio crea un primer per il fissaggio.
In passato ho usato anche dei pennellini che intingevo nella tinta, ma con questo non c’è stato bisogno grazie alla forma a goccia appuntita.
Sono partita dal centro delle labbra per arrivare ai contorni partendo da quella inferiore.
Mi sono procurata una matita dello stesso identico colore per fare la forma esterna delle labbra, ma non per lasciare il tratto marcato della matita stessa, solo per non andare troppo al di fuori dei bordi e non creare un effetto artificioso andando a distorcere la reale forma.
Una volta terminata l'applicazione di base ho riempito in modo uniforme e ricco di colore, facendo in tutto tre passate.
La scrivenza è ottima anche alla prima passata (vedete il tratto sulla mano come in foto), ma con tre diventa intensissimo.
L'eccesso di colore, che potrebbe sbavare o non rimanere ben saldo, va tolto con un piccolo rettangolo di carta velina: piegandolo tra le due labbra, stringendo delicatamente e poi rilasciandolo.
Sulla confezione c'è scritto "scrivenza assoluta" ed è verissimo.
E' cremosissimo ed ha un buon profumo semi floreale e dolce. Il colore tiene a lungo e nonostante non sia nello specifico un rossetto a lunga durata rimane molte ore.
L’ho provato alle 9 di sera e sono rientrata a casa ancora con il rossetto nonostante abbia fumato e bevuto, naturalmente appena sbiadito ai bordi interni perché va a contatto con la saliva.
Per toglierlo ho dovuto strofinare più volte con lo struccante bifasico o acqua miscelare.
E’ di un rosso lussuoso, ma che balla con gli effetti della luce artificiale o del sole, in effetti a tratti brilla quindi scarlatto acceso. Ma vi assicuro che non ha un effetto volgare, ma molto elegante. Ovviamente se amate i rossetti discreti, questo lo sconsiglio.
Il colore e' coprente e puro, il tratto e' perfetto senza sbavature e le labbra appaiono meravigliosamente piene e polpose, definite e levigate. Le rende ultra-luminose, morbide e vellutate.
Infatti assolutamente vietato accentuare troppo anche gli occhi, questo è un rossetto che di per sè fa tutto il trucco, pertanto con un leggero ombretto bianco sulle palpebre e una linea sottile di eyeliner nero, l'abbinamento è perfetto.
Ma anche se è mat, dura parecchio, le labbra non accusano sensazioni di secchezza o pelle che tira ma restano morbide ed idratate a lungo, il colore è piuttosto cremoso ma allo stesso tempo non è uno stick di quelli morbidi che tendono a spezzarsi con facilità.Sono rimasta molto contenta dell’acquisto fatto, i soldi sono stati davvero ben spesi , ne è valsa la pena.
Comunque, consiglio di tenerlo il frigo soprattutto nelle giornate più calde: nel momento in cui il rossetto entra in contatto con le labbra il colore si trasferisce alla perfezione anche se lo stick è freddo.
Beh..la formula non è delle migliori, ma non cercavo un rossetto bio
'''INGREDIENTI'''
Ricinus Communis (Castor) Seed Oil, Ethylhexyl Palmitate, Ethylexyl Pelargonate, Ethylexyl Stearate, Euphorbia Cerifera (Candelilla) Wax, Dicalcium Phosphate, Ozokerite, Bis-Diglyceryl Polyacyldipate-2, Cera Microcristallina (Microcrystalline wax), Copernicia Cerifera (Carnauba) Wax, Hydrogenated Castor Oil, Aroma (Flavor), BHT, Methylparaben, Propylparaben,coloranti.

Brand BeginnerBrand ScoutBrand ExpertBrand MasterBrand FollowerBrand LoverBrandFan
il 02.01.2015 ha scritto un'opinione
4
4
Colore
4
Texture
4
Tenuta
4
Qualità/Prezzo
4
Da consigliare
intenso o delicato

questo rossetto può risultare intenso o delicato a seconda del vostro umore! potete stenderlo col dito e quindi sarà piu delicato, o direttamente e quindi sarà piu forte! le texture sono per tutti i gusti. la consistenza del rossetto è semi morbida per cui stenderlo è facile ed il colore si uniforma bene.

Brand BeginnerBrand ScoutBrand Expert
il 05.01.2015 ha scritto un'opinione
5
4
Colore
4
Texture
4
Tenuta
4
Qualità/Prezzo
4
Da consigliare
bello

una opinione maschile ci vuole...mia moglie lo ha usato un paio di volte poichè ha avuto in regalo un campione di un bel rosso intenso. era bellissimo, un colore che riempiva le labbra. uniforme e brillante. lei mi dice che è cremoso ma sodo e che sono presenti tantissime varianti di colore. è di qualità e fa illuminare l'espressione del viso.

Brand BeginnerBrand ScoutBrand ExpertBrand MasterBrand FollowerBrand LoverBrandFan
il 07.02.2015 ha scritto un'opinione
4
5
Colore
5
Texture
4
Tenuta
5
Qualità/Prezzo
5
Da consigliare
il rossetto giusto per me

Il rossetto pupa è quello giusto per me perchè ha una cremosità perfetta che non scivola via dalle labbra e al contempo le idrata senza essere untuoso come spesso accade, ha molte varianti di colori e sicuramente sposa bene i gusti di ognuna di noi e si passa dai colori più tenui come può essere un rosa a un colore più forte e deciso che può essere un bel rosso che fa subito la donna più sexy e di classe.
La durata del rossetto in questione almeno su di me è tre ore con i colori scuri anche se mangio o bevo mentre con i colori chiari si riduce ad un massimo di due ore se mangio o bevo, ma non è un problema perchè è talmente piacevole indossarlo che sarà solo una coccola tutta per noi.

bf_opinioni_300x250

bf_opinioni_300x600

placeholder_test